Legge 104/92 – sentenza

di ANMIC

21 luglio 2016

Posto di lavoro a rischio per chi assiste solo parzialmente il parente disabile.

La persona, parente entro il terzo grado di una persona disabile, che usufruisce dei permessi lavorativi ai sensi della legge 104/92 rischia il licenziamento per giusta causa se, invece di assistere il parente disabile, svolge altre attività, ovvero se nei giorni di permesso non presta l’assistenza totale al parente disabile.

Con sentenza n. 9217 la Corte di Cassazione – sezione lavoro – ha dichiarato la legittimità del licenziamento per giusta causa, perché il parente ha prestato solo una parziale assistenza al familiare disabile.

Abusare dei permessi connessi alla legge 104/92 è un abuso di diritto, sia nei confronti del datore di lavoro, ledendo il rapporto di fiducia con l’azienda e privandolo ingiustamente della prestazione lavorativa, sia creando un danno al sistema previdenziale pubblico; un sviamento dell’intervento assistenziale scarica i costi del proprio ozio sulla collettività.

 

Immagine: © Evlakhov Valeriy, www.shutterstock.com

ULTIME NOVITÀ

Erogazione della pensione integrata

di ANMIC

01 giugno 2022

Presentare domanda entro il 31 agosto 2022

Gli invalidi civili assoluti, i ciechi civili e i sordi se vengono soddisfatte determinate condizioni percepiscono la cosiddetta “pensione integrata”...

LEGGI DI PIÙ

Un’iB. ricca di sorprese!

di ANMIC

16 maggio 2022

Edizione di maggio presto in tutte le case dei soci dell’ANMIC Alto Adige

Un’edizione davvero speciale quella della rivista “iB. incorntrarsi-Begegnung” di maggio 2022, ricca di novità ma anche di vecchi ricordi. Diversi...

LEGGI DI PIÙ
Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE La informiamo che questo sito web utilizza cookie propri tecnici e di terze parti.
Se continua a usare il nostro sito, acconsente all’installazione dei cookies.
OK, D’ACCORDO