Incontro con Premier Giuseppe Conte

di ANMIC

02 settembre 2019

Richiesto più sostegno ai disabili e alle loro famiglie

Nel colloquio svoltosi oggi a Palazzo Chigi le 7 Associazioni nazionali riunite nella FAND hanno presentato al Premier Conte le loro richieste in tema di politiche e servizi in favore delle persone con disabilità. Prof. Nazaro Pagano (Presidente FAND e Presidente ANMIC Nazionale):“Un gesto di attenzione che abbiamo apprezzato. Ci auguriamo che la consultazione odierna risulti utile ai fini della elaborazione del programma di governo”. Consegnato a Conte un documento FAND di proposte per affrontare le maggiori criticità in tema di disabilità e inclusione sociale.

Si è svolto stamane a Palazzo Chigi l’incontro fra il Presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte ed una delegazione della Federazione tra le Associazioni nazionali delle persone con disabilità FAND (che riunisce l’Associazione Nazionale Invalidi e Mutilati Civili ANMIC, l’Associazione nazionale mutilati e invalidi del lavoro ANMIL, l’Ente nazionale sordi ENS, l’ Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti UICI, l’Unione nazionale mutilati per servizio UNMS, l’Associazione Nazionale Guida Legislazioni Andicappati Trasporti ANGLAT e l’Associazione Italiana per la Ricerca sulla Psicosi e l’Autismo ARPA) guidata dal Presidente Prof. Nazaro Pagano. Una consultazione che di per sé rappresenta già una novità positiva, in quanto si è svolta alla vigilia della formazione del nuovo governo. La FAND auspica che il colloquio possa rivelarsi utile nella preparazione di un nuovo programma di interventi, che metta finalmente in cima all’agenda politica la soluzione dei problemi di oltre 7milioni di cittadini disabili, o non autosufficienti, e delle loro famiglie.

“Frammentazione degli interventi, scarsità e perenne incertezza delle risorse destinate ogni anno ai disabili rappresentano a nostro giudizio criticità inaccettabili del nostro Paese”, ha spiegato il Presidente FAND Prof. Nazaro Pagano. “Abbiamo perciò chiesto l’impegno del nuovo Esecutivo per restituire efficienza al nostro Welfare, oramai inadeguato anzitutto rispetto ai problemi crescenti legati all’invecchiamento della popolazione e al previsto aumento delle persone non autosufficienti. Riteniamo pertanto indispensabile – ha sottolineato Pagano – perseguire una seria programmazione e riqualificazione degli interventi assistenziali. Perché solo migliorando e rifinanziando il Welfare si potranno sostenere anzitutto i disabili gravi e le loro famiglie. In particolare quelle migliaia di caregiver (quasi sempre genitori o figli) che in solitudine suppliscono ogni giorno alle gravi carenze del nostro sistema assistenziale.”

Nel corso dell’incontro la FAND ha perciò illustrato al Premier incaricato le attuali emergenze del mondo della disabilità rimaste irrisolte e ha consegnato un documento tecnico che riassume le principali richieste della Federazione (che tutela e rappresenta oltre il 60% della popolazione con disabilità) riguardo a 7 diverse aree tematiche. Fra le principali proposte presentate dalla FAND per la realizzazione di politiche a sostegno dei disabili, nell’ottica della Convenzione ONU, si ricordano:

  • Pensioni di invalidità: aumento graduale delle pensioni d’invalidità, ancora ferme a 285 euro al mese, partendo da coloro che si trovano in condizioni certificate di gravità e/o pluridisabilità.
  • Lavoro: sviluppo di modelli occupazionali (con l’utilizzo d’innovazioni metodologiche e tecnologiche) adeguati alle specifiche tipologie di disabilità, valorizzandone le abilità e le professionalità.
  • Istruzione e formazione: adattare strutture, sistemi didattici e formativi degli istituti di ogni ordine e grado (Scuole, Università, CFP) alle specificità delle persone con disabilità, al fine di ridurre sensibilmente i livelli di esclusione sociale e occupazionale.
  • Realizzazione di un codice unico per le disabilità (attraverso una Legge Delega): rendere più organico l’attuale sistema normativo, per ridurre la stratificazione normativa esistente, che pregiudica la certezza del diritto.
  • Caregiver familiari: riconoscere il ruolo centrale del Caregiver familiare che sceglie di prendersi cura del proprio congiunto con disabilità, attraverso un quadro giuridico che ne riconosca i diritti e crei adeguate misure di sostegno.
  • Accessibilità e mobilità: adeguare la normativa in vigore, sviluppare modelli ed interventi volti migliorare la mobilità ed il trasporto, eliminare tutte le barriere culturali, architettoniche, senso percettive, della comunicazione, digitali, che sono ad oggi ostacolo all’inclusione delle persone con disabilità.
  • Semplificazione amministrativa: uniformare e semplificare le procedure ed i servizi pubblici e privati, per facilitare l’accesso alle persone con disabilità e alle loro famiglie.

 

Immagine: Premier Giuseppe Conte con Prof. Nazaro Pagano, Presidente ANMIC Nazionale | © ANMIC

ULTIME NOVITÀ

Comunicato stampa

di ANMIC

13 febbraio 2020

Invalidità civile in Alto Adige: Cambiamenti 2020

Per gli oltre 45.000 invalidi civili in Alto Adige, il 2020 ha portato alcuni importanti cambiamenti. Tra questi figurano, ad...

LEGGI DI PIÙ

Pensione, indennità e indennità di accompagnamento 2020

di ANMIC

05 febbraio 2020

Importi e soglie di reddito per l' accesso alle prestazioni economiche per invalidi civili, ciechi civili e sordi

La legge prevede prestazioni economiche per invalidi assoluti e parziali, come anche per non vedenti e sordi. Esse vengono versate...

LEGGI DI PIÙ
Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE La informiamo che questo sito web utilizza cookie propri tecnici e di terze parti.
Se continua a usare il nostro sito, acconsente all’installazione dei cookies.
OK, D’ACCORDO